Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada

Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada

Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada (FGVS)


Il Fondo di Garanzia per le Vittime della strada (FGVS) è gestito da Consap ed è stato istituito per il risarcimento dei danni conseguenti ad incidenti stradali causati, nella maggior parte dei casi, da veicoli non identificati, non assicurati, posti in circolazione contro la volontà del proprietario o assicurati con imprese poste in liquidazione coatta. L’istruttoria e la liquidazione dei danni sono effettuate dalle Imprese Assicurative designate dall’IVASS.

Il Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada è stato istituito con legge n. 990 del 1969 (abrogata con l'entrata in vigore del Codice delle Assicurazioni Private) ed è operativo dal 12 giugno 1971. È amministrato, sotto la vigilanza del Ministero dello Sviluppo Economico, dalla Consap con l'assistenza di un apposito Comitato presieduto dal Presidente della Società o, in sua vece, dall'Amministratore Delegato ed è composto da rappresentanti del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero dell'Economia e delle Finanze, di Consap, dell'Ivass, delle imprese di assicurazione e dei consumatori.

IMPRESE DESIGNATE

La liquidazione dei danni, per i casi indicati di seguito, ai sensi dell'art. 286 del D.Lgs. 209/2005, è effettuata a cura delle Imprese Designate dall'Ivass (il provvedimento in vigore dal 1 luglio 2015 è il n. 32 del 19 maggio 2015, è consultabile nella sezione "Normativa").

MASSIMALI

L'intervento del Fondo per i casi indicati di seguito, è limitato al massimale di legge vigente al momento del sinistro (dall'11 giugno 2017 € 6.070.000,00 nel caso di danni alle persone, per sinistro; €1.220.000,00 nel caso di danni alle cose, per sinistro. Precedentemente a far data dall'11 giugno 2012 € 5.000.000,00 per danni a persona per sinistro, € 1.000000,00 per danni a cose per sinistro; a far data dall'11 dicembre 2009, € 2.500.000,00 per danni a persona per sinistro ed € 500.000,00 per danni a cose per sinistro).

Per consultare i massimali di legge relativi ai sinistri verificatisi prima di tali date scarica il pdf "Elenco del massimali"

> Elenco Dei Massimali.pdf <

Prima di generare il modulo verifica che il tuo danno rientri tra le ipotesi di seguito elencate. In caso di dubbi consulta le FAQ.

 

    • Ipotesi A - veicoli o natanti non identificati
      per soli danni alla persona (dal 24 novembre 2007, a seguito del decreto legislativo n.198 del 6 novembre 2007, il risarcimento è dovuto anche per i danni alle cose, con una franchigia di Euro 500,00, in caso di danni gravi alla persona). 
    • Ipotesi B - veicoli o natanti non assicurati
      per danni alla persona nonché per danni alle cose con una franchigia, per quest'ultimi, di Euro 500,00 (dal 24 novembre 2007, a seguito del decreto legislativo n.198 del 6 novembre 2007, i danni alle cose verranno risarciti integralmente). 
    • Ipotesi C - veicoli o natanti assicurati con Imprese poste in liquidazione coatta amministrativa
      sia per i danni alla persona che per i danni alle cose.
    • Ipotesi D - veicoli posti in circolazione contro la volontà del proprietario
      sia per i danni alla persona che per i danni alle cose.
    • Ipotesi Dbis - sinistri causati da veicoli spediti nel territorio della Repubblica Italiana da un altro Stato dello Spazio Economico Europeo
      (Paesi della UE + Islanda, Norvegia e Lichtenstein) avvenuti nel periodo intercorrente dalla data di accettazione della consegna del veicolo e lo scadere del termine di 30 giorni (Art. 283, comma 1, lett. d-bis), sia per i danni alla persona che per i danni alle cose.
    • Ipotesi Dter - sinistri causati da veicoli esteri con targa non corrispondente o non più corrispondente allo stesso veicolo
      (Art. 283, comma 1, lett. d-ter), sia per i danni alla persona che per i danni alle cose.

Per generare il modulo:

  • Selezionare la tipologia di sinistro
  • Specificare l'epoca di accadimento del sinistro
  • Indicare la regione nella quale si è verificato il sinistro
  • Indicare il tipo di danno subito

MODULO DI RICHIESTA DI RISARCIMENTO

Veicoli o Natanti non identificati

Veicoli o Natanti non identificati, per soli danni alla persona (dal 24 novembre 2007, a seguito del decreto legislativo n.198 del 6 novembre 2007, il risarcimento è dovuto anche per i danni alle cose, con una franchigia di Euro 500,00, in caso di danni gravi alla persona) – per presentare la relativa domanda di risarcimento:

ATTENZIONE!
Se non si riesce a visualizzare il modulo direttamente dal browser (Google Chrome, Microsoft Edge, Internet Explorer, Mozilla Firefox, Safari ecc...), si consiglia di scaricarlo e di aprirlo direttamente sul proprio Pc (no smartphone o tablet) con Acrobat Reader.
Se non si possiede Acrobat Reader è possibile scaricarlo da qui.”

Veicoli o Natanti non assicurati

Veicoli o Natanti non assicurati, per danni alla persona nonché per danni alle cose con una franchigia, per quest'ultimi, di Euro 500,00 (dal 24 novembre 2007, a seguito del decreto legislativo n.198 del 6 novembre 2007, i danni alle cose verranno risarciti integralmente) – per presentare la relativa domanda di risarcimento:

ATTENZIONE!
Se non si riesce a visualizzare il modulo direttamente dal browser (Google Chrome, Microsoft Edge, Internet Explorer, Mozilla Firefox, Safari ecc...), si consiglia di scaricarlo e di aprirlo direttamente sul proprio Pc (no smartphone o tablet) con Acrobat Reader.
Se non si possiede Acrobat Reader è possibile scaricarlo da qui.”

Veicoli o Natanti assicurati con Imprese poste in liquidazione coatta amministrativa.

Veicoli o natanti assicurati con Imprese poste in liquidazione coatta amministrativa sia per i danni alla persona che per i danni alle cose. Per presentare la relativa domanda di risarcimento:

ATTENZIONE!
Se non si riesce a visualizzare il modulo direttamente dal browser (Google Chrome, Microsoft Edge, Internet Explorer, Mozilla Firefox, Safari ecc...), si consiglia di scaricarlo e di aprirlo direttamente sul proprio Pc (no smartphone o tablet) con Acrobat Reader.
Se non si possiede Acrobat Reader è possibile scaricarlo da qui.”

Veicoli posti in circolazione contro la volontà del proprietario

Veicoli posti in circolazione contro la volontà del proprietario, sia per i danni alla persona che per i danni alle cose – per presentare la relativa domanda di risarcimento:

ATTENZIONE!
Se non si riesce a visualizzare il modulo direttamente dal browser (Google Chrome, Microsoft Edge, Internet Explorer, Mozilla Firefox, Safari ecc...), si consiglia di scaricarlo e di aprirlo direttamente sul proprio Pc (no smartphone o tablet) con Acrobat Reader.
Se non si possiede Acrobat Reader è possibile scaricarlo da qui.”

Sinistri causati da veicoli spediti nel territorio della Repubblica Italiana da un altro Stato dello Spazio Economico Europeo

Sinistri causati da veicoli spediti nel territorio della Repubblica Italiana da un altro Stato dello Spazio Economico Europeo (Paesi della UE + Islanda, Norvegia e Lichtenstein) avvenuti nel periodo intercorrente dalla data di accettazione della consegna del veicolo e lo scadere del termine di 30 giorni (Art. 283, comma 1, lett. d-bis), sia per i danni alla persona che per i danni alle cose – per presentare la relativa domanda di risarcimento:

ATTENZIONE!
Se non si riesce a visualizzare il modulo direttamente dal browser (Google Chrome, Microsoft Edge, Internet Explorer, Mozilla Firefox, Safari ecc...), si consiglia di scaricarlo e di aprirlo direttamente sul proprio Pc (no smartphone o tablet) con Acrobat Reader.
Se non si possiede Acrobat Reader è possibile scaricarlo da qui.”

Sinistri causati da veicoli esteri con targa non corrispondente o non più corrispondente allo stesso veicolo

Sinistri causati da veicoli esteri con targa non corrispondente o non più corrispondente allo stesso veicolo (Art. 283, comma 1, lett. d-ter), sia per i danni alla persona che per i danni alle cose – per presentare la relativa domanda di risarcimento:

ATTENZIONE!
Se non si riesce a visualizzare il modulo direttamente dal browser (Google Chrome, Microsoft Edge, Internet Explorer, Mozilla Firefox, Safari ecc...), si consiglia di scaricarlo e di aprirlo direttamente sul proprio Pc (no smartphone o tablet) con Acrobat Reader.
Se non si possiede Acrobat Reader è possibile scaricarlo da qui.”

CONSULTA LA  "PROCEDURA PER IL RISARCIMENTO" PER APPROFONDIRE I PASSI OPERATIVI PER LA PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO.